Il trapianto di capelli non è solo un processo che termina con la fine dell’operazione. Il trapianto di capelli è tanto importante quanto importante dopo il processo. Coloro che non dispongono di informazioni sufficienti sul trapianto di capelli possono provare ansia dopo la semina.

 

Il prurito dopo il trapianto di capelli è una condizione molto scomoda per i pazienti. Il prurito dopo il trapianto di capelli è una condizione che si verifica in molte persone. Questo prurito può essere sperimentato sia nell’area del donatore che nella regione in cui viene eseguito il trapianto di capelli. Il prurito è la piantagione più grave che si verifica in alcuni punti.

 

Processo di trapianto di capelli

 

Il prurito dopo il trapianto di capelli è abbastanza normale e può essere visto in chiunque abbia subito questa operazione. Il prurito è più comunemente sentito 1 settimana dopo la procedura. Termina tra circa 2 settimane. Oltre al prurito, nella zona della piantagione possono verificarsi anche croste, acne, gonfiore o intorpidimento.

 

Il contatto con aree pruriginose danneggerà i follicoli piliferi. Per questo motivo, i luoghi pruriginosi non dovrebbero assolutamente prudere. Poiché i follicoli piliferi non riescono a trattenersi saldamente nei primi giorni dopo la semina, occorre fare attenzione a non toccare i follicoli piliferi e a non provocare alcun colpo. Perché i follicoli piliferi danneggiati possono morire e questo crea la possibilità di non più crescita dei capelli.

 

 

Cause di prurito dopo il trapianto di capelli

 

Si può dire che il prurito dopo il trapianto di capelli è un indicatore di guarigione. Il danno alla pelle è causato dal trapianto di capelli. Per ripristinare la pelle al suo stato originale, deve passare attraverso un processo di guarigione. Il prurito è normale durante il periodo di recupero.

 

Durante il trapianto di capelli, i follicoli piliferi vengono raccolti dalla zona donatrice. I buchi si verificano nell’area del donatore quando vengono raccolti i follicoli piliferi. Piccoli coaguli di sangue si formano in questi buchi. Ciò provoca croste e prurito. Il livello e la durata del prurito dopo il trapianto di capelli variano da persona a persona.

 

Dopo il trapianto di capelli, si verificano piccole emorragie alla base dei capelli. Quindi, si verifica la crosta. Le croste causano prurito. Oltre al ridimensionamento, la crescita dei capelli può anche causare prurito. Quando i capelli appena trapiantati iniziano a crescere sotto la pelle, può verificarsi prurito della pelle.

 

 

Un’altra causa del prurito è l’infezione. L’infezione è rara nel trapianto di capelli. Tuttavia, se il prurito è più lungo del normale, potrebbe significare che l’area è infetta. Ragioni come essere in luoghi sporchi e non usare i farmaci dopo la procedura possono causare infezioni. Se ritieni che il prurito sia più del normale, dovresti consultare il medico.

 

Shampoo o prodotti chimici utilizzati dopo il trapianto di capelli causano prurito. Per questo motivo, solo i prodotti prescritti dal medico devono essere utilizzati dopo la semina.

 

Come rimuovere il prurito dopo il trapianto di capelli?

 

  • Se il prurito è molto elevato dopo il trapianto di capelli, puoi chiedere al tuo medico prodotti o farmaci che riducono il prurito.
  • Non dimenticare di lavare i capelli all’intervallo stabilito dal medico.
  • Non utilizzare prodotti diversi da quelli raccomandati dal medico.
  • Non essere in luoghi molto caldi e fare attenzione a non sudare.

 

Esthetic Hair Turkey sta facendo del suo meglio per rendere il processo di trapianto di capelli il modo più comodo e confortevole. Con le sue operazioni meticolosamente eseguite, riduce al minimo l’irritazione dopo il trapianto di capelli. Se vuoi avere un trapianto di capelli nel nostro centro, puoi richiedere un appuntamento con noi.